Castellanza – I castellanzesi ci mettono la faccia

I castellanzesi ci mettono la faccia” è il titolo di una campagna presentata nelle scorse ore a Castellanza, incentrata sui temi del senso civico, del rispetto delle regole da parte di tutti per il bene della città.

Scopo della campagna, che parte con la diffusione di particolari manifesti, sensibilizzare i cittadini alla cooperazione e alla fiducia per migliorare la qualità della vita della collettività.

Il progetto è stato elaborato dal Comune con la collaborazione del Corpo Musicale Santa Cecilia, la Protezione Civile, l’Associazione Nazionale Alpini gruppo di Castellanza e l’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo e dell’A.F.I. Archivio Fotografico Italiano.

Ne sono derivati sei manifesti su altrettanti temi di grande importanza per la città: il rispetto del Codice della strada, la lotta al gioco d’azzardo, la promozione del volontariato, la lotta contro l’abbandono dei rifiuti, il controllo di vicinato, la pulizia della città.

“Abbiamo voluto fare questa azione per sensibilizzare i cittadini su un tema fondamentale come quello del senso civico. E per farla abbiamo utilizzato i volti di cittadini castellanzesi che hanno accettato di metterci la faccia. Per questo motivo desidero ringraziare l’AFI Archivio Fotografico Italiano per l’ideazione della campagna e la realizzazione dei manifesti a costo zero per il Comune (salvo i puri costi di stampa), i componenti del Corpo Musicale Santa Cecilia, della Protezione Civile, dell’A.N.A. Associazione Nazionale Alpini sezione di Castellanza, dell’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo che hanno creduto in questo progetto e hanno messo le loro facce. Un grazie ovviamente anche ai miei assessori e consiglieri con i quali ho condiviso l’idea e la sua realizzazione. La speranza è che questa iniziativa serva ad educare i cittadini e che faccia comprendere loro il senso di responsabilità che nasce nel momento in cui si vive l’appartenenza ad una comunità”, ha spiegato il sindaco Mirella Cerini.

Tutti i manifesti si possono vedere anche sul sito comunale.

print