18 C
Comune di Legnano
lunedì 18 Ottobre 2021

CASTANO PRIMO – ‘Il Comune non sta costruendo nessuna Moschea’: i chiarimenti dell’Amministrazione

Ti potrebbe interessare

Allarme bomba a Varese: evacuata la sede delle Poste

E’ successo poco prima delle 14.30 di oggi, lunedì 18 ottobre: una telefonata anonima ha avvisato della presenza di una bomba all’ufficio Postale centrale...

Un “Carrello Comune” per aiutare chi colpito dagli effetti della pandemia a Legnano

Da qualche giorno è possibile contribuire alla raccolta fondi a favore dei cittadini colpiti dagli effetti della pandemia attraverso “Carrello Comune”, un progetto di...

Con il cadavere della madre nascosto nell’armadio continuava a riscuoterne la pensione: denunciato un 50enne nel Milanese

E’ successo nelle scorse ore a Buccinasco, nella periferia sud di Milano: i Carabinieri della Compagnia di Corsico sono intervenuti in un appartamento dove...

Si chiama “Ri-scatti” la mostra fotografica sui disturbi alimentari dei ragazzi

Si potrà visitare fino al prossimo 24 ottobre al PAC, a Milano, la settima edizione del progetto di fotografia sociale ideato dalla ONLUS "Ri-scatti",...

Il Comune di Castano Primo ha pubblicato sul suo sito istituzionale un comunicato relativo alle insistenti voci sulla prossima costruzione di una moschea sul territorio comunale, che hanno scatenato diverse preoccupazioni nella popolazione. Ne riportiamo il testo integrale:
“Viste le informazioni circolanti in maniera spesso strumentale e poco attenta alla realtà dei fatti, preme a questa amministrazione fornire ogni opportuno chiarimento in merito alla vicenda di seguito dettagliata.
Nel corso delle usuali attività di controllo interno, è emerso che l’ufficio urbanistica comunale, ha rilasciato permesso di costruire all’associazione Madni per manutenzione straordinaria e ampliamento di un edificio di proprietà già utilizzato quale sede dell’associazione stessa. Preme evidenziare che i permessi di costruire,in questi casi, sono attività autonome degli uffici da attivarsi nell’ambito degli strumenti di programmazione approvati dall’amministrazione e comunque non richiedono alcuna autorizzazione dell’amministrazione comunale . Ad una verifica più approfondita sono emersi dei dubbi riguardo la procedura utilizzata dagli uffici, ed in particolare in riferimento alla qualificazione urbanistica data e al rispetto della legge regionale 12/2005 e successive modifiche ed integrazioni.
L’amministrazione, in collaborazione con il Segretario Comunale, ha chiesto immediatamente all’ufficio di approfondire la questione ma lo stesso confermava la bontà dell’istruttoria effettuata.
Ad uno studio successivo, evidenziate nuove criticità, si decideva di diffidare l’ufficio ad intervenire sospendendo il permesso per meglio chiarire la situazione ma lo stesso confermava nuovamente la propria posizione.
A questo punto, per ulteriore scrupolo, si inviavano due richieste differenti a Regione Lombardia quale titolare della potestà legislativa in materia urbanistica e quindi della relativa interpretazione. Le risposte però risultavano entrambe non decisive poiché rimettevano al Comune la valutazione del caso concreto nonostante l’invio di ogni documentazione richiesta e la esplicita volontà dell’amministrazione di ricevere un parere chiaro che desse atto dell’applicazione al caso di specie.
Persistendo i dubbi sulla corretta qualificazione urbanistica e sulla procedura utilizzata, si chiedeva un parere legale al fine di avere l’interpretazione di un professionista esperto in materia urbanistica ed amministrativa che evidenziava il non pieno rispetto della norma regionale vigente.
Quindi il Segretario Comunale, avocava a se la pratica, ed invitava l’associazione ad un tavolo di confronto al fine di avvisare sulle problematiche della pratica e sull’iter di annullamento. Nella riunione, l’associazione resa edotta della situazione, decideva di bloccare autonomamente l’attività rendendosi disponibile a ricondurre la pratica al pieno rispetto delle regole e delle leggi in materia urbanistica.
RIASSUMENDO:
1. L’amministrazione comunale non sta costruendo alcuna Moschea poiché non fa parte dei propri obiettivi di mandato;
2. L’Associazione MADNI non può costruire una Moschea né un luogo religioso poiché la legge stabilisce procedure diverse, rispetto a quella utilizzata, in caso di costruzione di nuovi luoghi di culto;
3. Il Sindaco non ha il potere di dare permessi di costruire ;
4. Il permesso di costruire viene dato dai responsabili del servizio in completa autonomia ;
5. Ci sono dei dubbi sulla gestione della pratica e stiamo lavorando perché il Comune di Castano Primo e la sua cittadinanza, compresa l’associazione,siano tutelati.
Speriamo di aver chiarito la nostra attività e la nostra attenzione. Continueremo nelle prossime settimane a lavorare perché siano rispettate le regole e gli interessi di tutti i cittadini castanesi.”

Articoli correlati