30.7 C
Comune di Legnano
venerdì 23 Luglio 2021

CANONE RAI – Il Consiglio di Stato boccia il decreto sull’addebito in bolletta

Ti potrebbe interessare

A Sumirago colpo in banca da 70mila euro: si cercano tre uomini

E’ successo nella tarda mattinata di oggi, venerdì 23 luglio, a Sumirago: tre ladri, con indosso un passamontagna ma senza armi, sono entrati nella...

Bilancio partecipato a Legnano: partiti gli incontri per i suggerimenti al previsionale 2022

Ha avuto inizio da qualche giorno in Comune a Legnano l’iter partecipativo che servirà per realizzare il bilancio previsionale 2022. Prima tappa l’ascolto delle...

Olimpiadi di Tokio: un minuto di silenzio per le vittime della pandemia. Sfilano le nazioni in nome della speranza

Si è svolta nelle scorse ore di oggi, venerdì 23 luglio, la cerimonia di inaugurazione delle Olimpiadi di “Tokio 2020”, posticipate di un anno...

Panchina distrutta a Canegrate: le immagini delle telecamere al vaglio della Polizia locale

Forse sarebbe meglio che l’ignoto (almeno per ora) responsabile del danneggiamento ad una panchina di piazza Matteotti a Canegrate, si presentasse spontaneamente negli uffici...

Un interessante articolo da www.laleggepertutti.it, che sembra dare qualche speranza ai contribuenti italiani.
“Questo canone in bolletta non s’ha da fare”: a dirlo sono i giudici del Consiglio di Stato che hanno appena emesso una sonora bocciatura nei confronti del decreto ministeriale sulle nuove regole relative al canone Rai contenute nella legge di Stabilità 2016. Il parere del Consiglio di Stato era necessario per l’approvazione del decreto attuativo della riforma, decreto che il Ministero dello Sviluppo Economico doveva emettere entro il 14 febbraio ma che è in clamoroso ritardo, proprio a comprova delle difficoltà (e degli imbarazzi) che si registrano a Palazzo.
Mancano poco più di due mesi al giorno in cui vedremo il primo (consistente) addebito di 40 euro sulla bolletta della luce, a titolo di “ratei” del canone Rai ed ancora tutto è in alto mare. Anzi, oggi le cose si complicano ancora di più perché, a quanto pare, ci sarà da rivedere più di un aspetto. E ora, dati i ritardi dell’operazione, diventa azzardato ipotizzare che a luglio tutti ricevano le prime rate nella bolletta elettrica.
I giudici di Palazzo Spada chiedono documentazione supplementare per poter rendere il loro parere. Senza il via libera del Consiglio di stato non sarà possibile pubblicare in Gazzetta Ufficiale il decreto e avviare quindi tutti gli adempimenti collegati per arrivare con la prima tranche del versamento nella bolletta elettrica dal 1° luglio.
Aveva già destato un primo sospetto il fatto che il termine per l’invio dell’autocertificazione, inizialmente programmato al 30 aprile per le raccomandate e al 10 maggio per le modalità telematiche verrà spostato (secondo quanto dichiarato) al 15 maggio. C’è poi l’imbarazzante storia dell’indirizzo a cui inviare l’autocertificazione: dopo solo quattro giorni da quando l’Agenzia delle Entrate aveva fornito la prima indicazione è intervenuta una correzione (il fisco lo ha chiamato “aggiornamento”, ma la sostanza è la stessa). Insomma, l’indirizzo a cui dovremo spedire le autodichiarazioni di non possesso del televisore, per mezzo del servizio postale, è: Agenzia delle entrate, ufficio di Torino 1, Sat – sportello abbonamenti tv – casella postale 22 – 10121 Torino.

FONTE: laleggepertutti.it

Articoli correlati