Cannabis nel sangue di un bambino di sette anni. Accertamenti sui genitori

(Foto da web)

Sarebbe il terzo caso dall’inizio dell’autunno: questa volta si tratta di un bambino di sette anni, in preda ad un forte stato di eccitazione psico motoria, che i medici dell’ospedale San Paolo di Milano nei giorni scorsi hanno scoperto avere nel sangue un’alta concentrazione di Thc, il principio attivo di hashish e marjiuana.

Come è previsto in questi casi, l’ospedale ha allertato le forze dell’ordine, che hanno avviato un’indagine per comprendere come il bambino possa aver assunto lo stupefacente.

La mamma del ragazzino aveva chiamato il 112 quando il figlio aveva dato segni di alterazione, tanto da essere ricoverato all’ospedale.

La donna ha spiegato ai medici e agli inquirenti che il bambino avrebbe soltanto ingerito uno sciroppo anti tosse, ma le dichiarazioni della donna non coinciderebbero con quelle, sebbene confuse, del bambino.

Ulteriori accertamenti sono in corso su entrambi i genitori.

print