21.6 C
Comune di Legnano
martedì 15 Giugno 2021

CAIRATE – Accertata un’altra truffa della coppia vigile/dipendente comunale

Ti potrebbe interessare

La centrale di teleriscaldamento si potenzia a Legnano: possibili disagi domani

Mentre nella giornata di domani, mercoledì 16 giugno AMGA Legnano completerà l’intervento di manutenzione straordinaria e di potenziamento della centrale del Teleriscaldamento, intrapreso giovedì...

Fermati a un controllo senza cintura di sicurezza sono arrestati per trasporto di droga

Avevano pensato a tutto, ma non del tutto, a quanto pare, i due soggetti arrestati ieri sera, lunedì 14 giugno, a Milano perché trovati...

Cade dal monopattino e finisce in coma: qualcuno gli ruba il mezzo

E’ successo ieri, domenica 13 giugno, in serata a Monza: un uomo di 33 anni, originario dello Sri Lanka, è caduto dal suo monopattino,...

Pomeriggio in bicicletta con la Pro Loco di San Giorgio su Legnano

Sono aperte in questi giorni le iscrizioni per l’iniziativa “Pomeriggio in bicicletta”, organizzata dalla ProLoco di San Giorgio su Legnano per domenica 19 giugno,...

Truffe e furti ad anziani, ancora una vittima individuata; nelle scorse ore i Carabinieri della stazione di Fagnano Olona, a parziale conclusione di una lunga e complessa attivita’ di indagine, hanno deferito in stato di libertà per il reato di furto in abitazione i due soggetti che lo scorso 21 aprile erano stati tratti in arresto a seguito dell’inseguimento terminato con lo speronamento della vettura dell’arma (leggi l’articolo relativo). Si tratta di:

  1. Narcisio Sandro, 1988, nullafacente, pregiudicato;
  2. Riviera Carlo, 1991, nullafacente, pregiudicato;

nei confronti dei due sono stati  raccolti univoci e inconfutabili indizi di colpevolezza in ordine alla commissione di un furto in abitazione commesso con le consuete modalita’, (un finto vigile ed un tecnico comunale), in data 19 aprile ai danni di una 60enne di Cairate, cui hanno rubato alcune centinaia di euro e dei gioielli in oro (tra cui alcuni di valore affettivo, in quanto “di famiglia”); questo e’ l’ennesimo episodio attribuito ai due malfattori, che si aggiunge alla lunga serie per cui stanno autonomamente procedendo i diversi reparti ed uffici delle forze di polizia; la posizione dei due e’ stata rimessa ora alla valutazione dell’Autorita’ Giudiziaria di Busto Arsizio.

 

Articoli correlati