Busto Arsizio – Venerdì il processo a Leonardo Cazzaniga

Leonardo Cazzaniga (Foto da web - Corriere Milano)

Avrà inizio venerdì 15 giugno al tribunale di Busto Arsizio il processo a Leonardo Cazzaniga, il medico accusato di quattordici omicidi, undici perpetrati al pronto soccorso dell’ospedale di Saronno verso pazienti molto anziani, quando ne era primario, e tre in ambio familiare, utilizzando mix di farmaci letali.

A rispondere oltre a Cazzaniga anche alcuni titolari della Commissione medica dell’ospedale, che avrebbero dovuto indagare sull’operato dell’ex anestesista.

Nel corso dell’udienza che si è svolta ieri, sono stati depositati gli elenchi dei testimoni dell’accusa, della difesa e delle parti civili: in tutto centocinquanta persone che dovranno essere ascoltate.

La Corte ha respinto la richiesta di esclusione dalla responsabilità civile dell’allora primario Nicola Scoppetta, da considerarsi esattamente come i primari di reparto per tutti gli omicidi in corsia, e per due dei tre omicidi in famiglia, tranne quello di Maria Rita Clerici poiché avvenuto fuori dalla struttura sanitaria.

Tra i primi testimoni venerdì sarà ascoltata Clelia Leto, l’infermiera che denunciò i primi fatti sospetti all’ospedale di Saronno.

Non comparirà quale parte civile la ASST Valle Olona, che si è già rivolta alla Corte dei Conti per quantificare il danno subito da quanto commesso da Cazzaniga e dagli altri medici, per ottenere un risarcimento in sede civile.

print