martedì, 18 Gennaio 2022

Busto Arsizio – Si continua a discutere sulla rotonda

La rotonda della “Coop” non piace ai “social”, ma non tutti la pensano nello stesso modo.

Mentre sta prendendo forma la “famigerata e odiata rotonda” di viale Duca d’Aosta, all’incrocio con via Mameli a Busto Arsizio, le discussioni sui social non si fanno attendere, scatenando da giorni un vero “tam tam” di messaggi e di post, tra chi a favore e chi contrario, su Facebook nei gruppi di Busto Arsizio.

Il problema del viale sono i troppi semafori nemmeno sincronizzati, una sola rotonda servirà a poco o nulla”; “Sono passato stamattina intorno alle 9.30 e l’impressione è che si tratti di una complicazione stradale, la coda arrivava quasi al tribunale pur avendo trovato i semafori verdi”.

Tra i favorevoli: “Tutta questione di abitudine, fra sei mesi sarà una strada come tutte le altre. Se vogliamo dire la verità il pericolo di percorrere una strada in bicicletta è maggiore quando c’è meno traffico ed aumenta la velocità dei veicoli a motore”; “Comunque credo si debba fare una rotonda anche al semaforo del tribunale all’altezza di via Gavinana, per me questa funziona, il traffico è scorrevole: è da vedere quando le scuole riaprono a settembre”.

Disegnata e delimitata dai new jersey provvisori, si percorre la rotonda con la nuova segnaletica verticale. La circonferenza è ampia e le strisce gialle sull’asfalto per le corsie e l’attraversamento dei pedoni, così come i new jersey biancorossi in plastica, danno il senso della temporaneità della posa, aspettando la definitiva messa a punto di quest’opera tanto discussa.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI