28.8 C
Comune di Legnano
domenica 13 Giugno 2021

BUSTO ARSIZIO – Rubano l’Iphone ad una compagna di scuola: due 15enni del Candiani nei guai

Ti potrebbe interessare

Una poesia per raccontare con delicatezza i cortili di Felice Musazzi

Riflettori, prego: è di scena il cortile lombardo. Termina così una particolare poesia dedicata ieri, sabato 12 giugno, dall’attore della compagnia de “I Legnanesi”,...

Torna OnDance a settembre: la ripartenza della danza secondo Roberto Bolle

Si farà e sarà “in presenza” la festa della danza OnDance, dal 4 al 7 settembre prossimi. Ideata ed organizzata dal ballerino Roberto Bolle, la...

Incidente stradale tra una moto e un’auto: arriva l’elisoccorso

E’ successo ieri pomeriggio, sabato 12 giugno, a Rancio Valcuvia: lungo la SS 394 un’automobile e una moto si sono scontrate, per ragioni ancora...

Completata la copertura per gli studenti nel passaggio alla palestra

E’ stata completata in questi giorni a Canegrate, la copertura che protegge il passaggio degli studenti tra la scuola media di via 25 Aprile...

Nelle scorse ore, i Carabinieri di Busto Arsizio, a conclusione di una breve attivita’ di accertamento, hanno deferito in stato di libertà per il reato di furto due giovanissimi studenti del liceo artistico “Candiani”, di via Manara; nei confronti dei due 15enni, sono stati raccolti sufficienti ed inconfutabili indizi di colpevolezza in ordine al furto di un telefono cellulare Apple Iphone 6 avvenuto nei primi giorni del mese di maggio ai danni di una loro compagna di classe. Quello che inizialmente poteva sembrare un banale scherzo o, al limite, un atto di bullismo (comunque grave), – fase nella quale i Carabinieri stessi “esortavano” gli studenti a porre fine alla situazione creatasi -, si e’ trasformato, invece, inevitabilmente, in un vero e proprio reato; in particolare gli accertamenti sono stati svolti da due Carabinieri di quartiere,  abitualmente operanti proprio nella zona dove e’ situato il liceo, che attraverso un lento e delicato lavoro di ricostruzione ed acquisizione di informazioni (tra gli studenti, gli insegnanti ed altri operatori scolastici), sono riusciti ad individuare gli autori del reato. Il telefono e’ stato, peraltro, recuperato e restituito alla legittima proprietaria. La posizione dei due minori e’ stata rimessa ora alla valutazione dell’Autorita’ Giudiziaria minorile.

Articoli correlati