7.9 C
Comune di Legnano
giovedì 4 Marzo 2021

BUSTO ARSIZIO – Rubano l’Iphone ad una compagna di scuola: due 15enni del Candiani nei guai

Ti potrebbe interessare

Luanvi nel pacco gara degli atleti del prossimo Campaccio Cross Country

L’azienda spagnola Luanvi, tramite RV-Distribution, fa il suo ingresso nello sport italiano sostenendo l’evento internazionale Campaccio Cross Country Permit World Athletics, che si disputerà...

Al via lunedì 8 marzo i lavori stradali in via per San Giorgio a Legnano

Partiranno lunedì 8 marzo l’adeguamento funzionale e la messa in sicurezza della strada, in via per San Giorgio, a Legnano, con l’introduzione di un...

Fermata la baby gang delle aggressioni nel Milanese

E’ successo questa mattina, giovedì 4 marzo: i Carabinieri della Stazione di Solaro, nel Milanese, hanno fermato e sottoposto alla misura cautelare del collocamento...

Sanremo 2021: la seconda serata omaggia Ennio Morricone

Serata rivolta al passato quella di ieri, mercoledì 3 marzo, la seconda del Festival di Sanremo 2021: sul palco del Teatro Ariston si sono...

Nelle scorse ore, i Carabinieri di Busto Arsizio, a conclusione di una breve attivita’ di accertamento, hanno deferito in stato di libertà per il reato di furto due giovanissimi studenti del liceo artistico “Candiani”, di via Manara; nei confronti dei due 15enni, sono stati raccolti sufficienti ed inconfutabili indizi di colpevolezza in ordine al furto di un telefono cellulare Apple Iphone 6 avvenuto nei primi giorni del mese di maggio ai danni di una loro compagna di classe. Quello che inizialmente poteva sembrare un banale scherzo o, al limite, un atto di bullismo (comunque grave), – fase nella quale i Carabinieri stessi “esortavano” gli studenti a porre fine alla situazione creatasi -, si e’ trasformato, invece, inevitabilmente, in un vero e proprio reato; in particolare gli accertamenti sono stati svolti da due Carabinieri di quartiere,  abitualmente operanti proprio nella zona dove e’ situato il liceo, che attraverso un lento e delicato lavoro di ricostruzione ed acquisizione di informazioni (tra gli studenti, gli insegnanti ed altri operatori scolastici), sono riusciti ad individuare gli autori del reato. Il telefono e’ stato, peraltro, recuperato e restituito alla legittima proprietaria. La posizione dei due minori e’ stata rimessa ora alla valutazione dell’Autorita’ Giudiziaria minorile.

Articoli correlati