19.8 C
Comune di Legnano
venerdì 17 Settembre 2021

BUSTO ARSIZIO – Rubano l’Iphone ad una compagna di scuola: due 15enni del Candiani nei guai

Ti potrebbe interessare

Cicli terapeutici odontoiatrici con l’osteopatia per i bambini al Centro Porta Odontoiatria e Benessere

Il Centro Porta, che si trova a Busto Garolfo, nell'Alto Milanese, è da sempre promotore di un approccio multi specialistico in cui più discipline collaborano tra...

La GdF di Varese sequestra 20 chili di cocaina

E’ accaduto nei giorni scorsi a Varese: gli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno arrestato tre persone accusate di detenzione e...

Luci accese di notte nelle scuole di Parabiago: c’è chi grida allo spreco

Sta suscitando diverse polemiche in questi giorni, via social, la faccenda delle luci accese di notte nelle scuole a Parabiago, e nelle sue frazioni. Come...

Questa sera a Legnano si corre la Provaccia

Tutto pronto al Campo Mari di Legnano per la corsa della "Provaccia", questa sera, venerdì 17 settembre alle 19.45. La corsa precede quella del Palio...

Nelle scorse ore, i Carabinieri di Busto Arsizio, a conclusione di una breve attivita’ di accertamento, hanno deferito in stato di libertà per il reato di furto due giovanissimi studenti del liceo artistico “Candiani”, di via Manara; nei confronti dei due 15enni, sono stati raccolti sufficienti ed inconfutabili indizi di colpevolezza in ordine al furto di un telefono cellulare Apple Iphone 6 avvenuto nei primi giorni del mese di maggio ai danni di una loro compagna di classe. Quello che inizialmente poteva sembrare un banale scherzo o, al limite, un atto di bullismo (comunque grave), – fase nella quale i Carabinieri stessi “esortavano” gli studenti a porre fine alla situazione creatasi -, si e’ trasformato, invece, inevitabilmente, in un vero e proprio reato; in particolare gli accertamenti sono stati svolti da due Carabinieri di quartiere,  abitualmente operanti proprio nella zona dove e’ situato il liceo, che attraverso un lento e delicato lavoro di ricostruzione ed acquisizione di informazioni (tra gli studenti, gli insegnanti ed altri operatori scolastici), sono riusciti ad individuare gli autori del reato. Il telefono e’ stato, peraltro, recuperato e restituito alla legittima proprietaria. La posizione dei due minori e’ stata rimessa ora alla valutazione dell’Autorita’ Giudiziaria minorile.

Articoli correlati