5.1 C
Comune di Legnano
mercoledì 3 Marzo 2021

BUSTO ARSIZIO – Incontro del Liceo Crespi con Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz

Ti potrebbe interessare

Addio al dj Claudio Coccoluto

Si è spento a 59 anni, nella sua casa di Cassino, dopo una lunga malattia, il noto dj Claudio Coccoluto, uno dei più conosciuti...

Un progetto a sostegno delle donne che affrontano la malattia oncologica a Legnano

Al via a Legnano ad una particolare raccolta di fondi, in occasione dell'8 Marzo, Festa della Donna, organizzata dalle associazioni T-CLAR e By hand-Giancarlo...

Dopo le scatole di Natale Castellanza si impegna per il “Sacchettuovo”

In vista delle feste di Pasqua, a Castellanza c’è già chi si mobilita a favore dei più bisognosi. Dopo la raccolta delle scatole di Natale,...

L’ospedale di Cuggiono apre una nuova sede per le vaccinazioni anti Covid-19

Lo ha reso noto nelle scorse ore l’ASST Ovest Milanese: da giovedì 4 marzo entrerà in funzione negli spazi del Centro Prelievi dell’ospedale di...

Uscire da un lager nazista, ma soprattutto dalla scia di follia che l’esperienza prima durante e dopo un lager nazista comporta, non è un’impresa semplice. Primo Levi, per esempio, non ce l’ha fatta. Liliana Segre, al contrario, ha mostrato alle classi quinte del liceo Crespi, riunite eccezionalmente la mattina di lunedi’ 11 gennaio 2016 al Museo del Tessile per ascoltarla, tutta la forza di una donna che ha saputo uscire dal labirinto di Auschwitz, ritrovando il filo di una narrazione serrata, lucida, coinvolgente, fatta di ricordi, ma anche di considerazioni e analisi sul presente. A suggello della storia, che infine ha fatto alzare la platea in piedi ad applaudire, una delle ultime testimoni viventi dell’Olocausto, ripresa dalle telecamere Rai, è il messaggio che segue: “Non dite mai io non ce la faccio. Se ce l’ho fatta io, in quelle condizioni, ce la fate anche voi a superare le prove della vita”, ha affermato Liliana Segre. Se c’è un’attualità nel racconto di un’epoca che se Dio vuole non tornerà più, riguarda la capacità di una donna qualunque, “una borghese piccola piccola” come si è definita, di rimettersi in piedi dopo una tale discesa agli inferi: “Tornai dalla Germania che ero una ragazza brutta, grassa, che diceva parolacce e si ingozzava di cibo. Per anni mi sono chiusa nel silenzio. Solo con l’amore per mio marito e mio figlio ho capito veramente il valore della mia scelta”. Liliana racconta delle porte chiuse in faccia, quelle ricevute prima dalla scuola proibita agli ebrei, poi da una Milano silente al grido di dolore di una bimba rinchiusa nel carcere di San Vittore per il solo delitto di essere nata, e quella rifilata all’amica Janin, finita nelle grinfie del dottor Mengele senza che lei neppure la salutasse, rimpiangendolo e rimproverandoselo per tutta la vita. A lei, oggi, si può solo immaginare come proprio la vita abbia riservato pagine che farebbero sbiancare al confronto anche il canto dantesco del conte Ugolino: “Non ho fatto cannibalismo solo perché non ne ho avuta occasione, confessavo serenamente alla mia docente di lettere al liceo, nel Dopoguerra”. Ora, né la magrissima lavoratrice schiava alle fabbriche di armamenti Union, né la sua controfigura restituita all’Italia, esistono più. Al loro posto c’è una nonna, che con amore e forza, a favore di telecamere e dei suoi “nipoti ideali”, ha ripercorso con la stessa tenacia il filo della narrazione, che pone un argine alla follia di ciò che è stata la peggiore specie di discriminazione tra esseri umani: “Per anni ho odiato i nazisti, miei aguzzini. Quando scoprii che in realtà mi facevano pena, povere vittime di una ideologia malata, capii che ero maturata. Che allora, quando non colsi l’occasione di vendicarmi su uno di loro che si disarmò gettandomi la pistola ai piedi, a differenza loro, io avevo scelto la vita”.

Ecco un breve video dell’incontro:

Carlo Colombo

Articoli correlati

La Polizia locale arresta uno spacciatore a Busto Arsizio

E' accaduto ieri, lunedì 22 febbraio a Busto Arsizio: nell’ambito della costante azione di monitoraggio del territorio e di contrasto al degrado urbano, fortemente...

Busto Arsizio assume nove agenti di Polizia locale

E’ stato pubblicato in questi giorni il bando del Comune di Busto Arsizio per l’assunzione a tempo pieno e indeterminato di nove agenti di...

Anche la senatrice Liliana Segre arriva tra gli scranni per votare la fiducia a Conte

Sono ore febbrili, quelle odierne, per i partiti della maggioranza del governo, che attendono il voto di fiducia per il rinnovo dell’esecutivo, che sarà...

La cultura al centro: tante proposte agli Stati Generali di Busto Arsizio

Si è svolta nei giorni scorsi con una video conferenza, la riunione degli Stati Generali della Cultura di Busto Arsizio. Come si  legge in...

Al via la gara dei presepi on line del Lions Club di Busto Arsizio

Bastano video e foto per partecipare al "Concorso di Presepi" del Lions Club di Busto Arsizio. La 28edizione della manifestazione diventa digitale, quest’anno: l’emergenza Covid...