5.1 C
Comune di Legnano
mercoledì 3 Marzo 2021

BUSTO ARSIZIO – Autofficina pesantemente sanzionata per lavoro nero e forno verniciatura abusivo

Ti potrebbe interessare

Addio al dj Claudio Coccoluto

Si è spento a 59 anni, nella sua casa di Cassino, dopo una lunga malattia, il noto dj Claudio Coccoluto, uno dei più conosciuti...

Un progetto a sostegno delle donne che affrontano la malattia oncologica a Legnano

Al via a Legnano ad una particolare raccolta di fondi, in occasione dell'8 Marzo, Festa della Donna, organizzata dalle associazioni T-CLAR e By hand-Giancarlo...

Dopo le scatole di Natale Castellanza si impegna per il “Sacchettuovo”

In vista delle feste di Pasqua, a Castellanza c’è già chi si mobilita a favore dei più bisognosi. Dopo la raccolta delle scatole di Natale,...

L’ospedale di Cuggiono apre una nuova sede per le vaccinazioni anti Covid-19

Lo ha reso noto nelle scorse ore l’ASST Ovest Milanese: da giovedì 4 marzo entrerà in funzione negli spazi del Centro Prelievi dell’ospedale di...

I Carabinieri della stazione di Busto Arsizio e quelli del nucleo Ispettorato del Lavoro di Varese, al termine di una complessa  attivita’ ispettiva svolta nei confronti della ditta “Autoriparazioni M.B. s.a.s. di Mirko Barlocco”, con sede legale e operativa a Busto Arsizio, in via Novara 27, hanno deferito in stato di liberta’ il titolare dell’attivita’ commerciale, nato nel ’76 e P.M., classe 1968, operaio generico che lavorava “in nero” nella suddetta azienda; nel corso del servizio, che ha portato anche al sequestro dell’immobile, per la presenza di un “forno” per verniciatura di auto completamente “abusivo”, sono state  comminate ammende pari ad Euro 30.243,00, sanzioni amministrative pari ad Euro 4.750.00 e recuperati oneri contributivi previdenziali pari ad Euro 1.650.26.

Tutto cio’ per non aver fornito informazioni e notizie legalmente richieste dall’ispettorato del lavoro, omessa visita medica dei lavoratori, omessa valutazione dei rischi per la sicurezza e salute dei lavoratori in relazione all’attivita’ svolta dall’azienda, omessa informazione dei lavoratori in materia di sicurezza e salute dei luoghi di lavoro, omessa formazione dei lavoratori in materia di sicurezza e salute in relazione all’attivita’ svolta dall’azienda), piu’ la maxi sanzione per il lavoro “nero”. Ora le valutazioni sono rimesse alle Autorita’ competenti, ovvero quella giudiziaria e quella sanitaria.

Articoli correlati

BUSTO ARSIZIO – Multa salatissima per un’azienda agricola con lavoratori in nero

Come riportato dall'ANSA Lombardia, i titolari di un'azienda agricola con allevamento di cavalli, pecore e mucche di Busto Arsizio, sono stati multati dalla Guardia...