mercoledì, 25 Maggio 2022

BUSTO ARSIZIO – All’Immacolata tornano ‘cupeti’ e palloncini della pace

Leggenda vuole che la Madonna passava per il borgo di Busto Arsizio, quando un diavolo la vide e le scagliò addosso dei sassi, che la santità della Vergine trasformò in dolci prelibati. Sono i Cupèti: un dolce tipico e semplice, che si mangia nei giorni attorno alla festa dell’Immacolata. La ricetta vuole delle mandorle bagnate di caramello e chiuse due cialde a forma circolare. La parrocchia dove la tradizione è più sentita è certamente quella di San Michele Arcangelo, dove una volta i giovani si univano in fidanzamento accettando o rifiutando un sacchetto di cupèti, lasciato dalla fanciulla sul davanzale dell’amato, come ricordano i parrocchiani. Inoltre, il parroco Don Giuseppe Corti ha rinnovato anche quest’anno la festa che culmina con il lancio dei palloncini, da parte dei bimbi dell’oratorio. Attaccato ad ogni palloncino, un biglietto per Babbo Natale e Gesù Bambino, con i regali desiderati ma anche i pensierini giusti per un mondo migliore. Il lancio, infatti, è stato preceduto da un momento di preghiera dove si invitavano i presenti a riflettere sulla violenza che percorre il mondo, all’appello: “Disarmiamoli, disarmiamoci. Facciamo tutto per proteggere gli innocenti. Facciamo tutto per non cedere alla vendetta”.

Ecco un piccolo videoreportage sull’evento:

… e qualche scatto:

Paola Vilone

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI