martedì, 16 Aprile 2024

BUSTO ARSIZIO – 2 LABORATORI CONFEZIONAVANO TESSUTI ILLEGALI

Scoperti 2 laboratori tessili gestiti da cinesi che lavoravano in spregio alle più elementari norme sul lavoro, sono stati scoperti dal Nucleo Presidio del Territorio del Corpo di Polizia Locale di Busto Arsizio in tre mesi e in una zona molto vicina al centro.
A seguito dell’attività di indagine svolta un laboratorio abusivo in zona quartiere Frati, anche grazie alla preziosa collaborazione di un cittadino informato sui fatti e dopo alcuni appostamenti, hanno individuato un’ulteriore attività tessile abusiva nella medesima zona.
E’ stata effettuata un’ispezione congiunta con il Nucleo Ispettorato del Lavoro dei Carabinieri e a personale dell’ ATS Insubria di Varese, che ha confermato la presenza di un laboratorio tessile privo di qualsiasi autorizzazione in un edificio adibito a magazzino.
All’interno gli agenti hanno rilevato essere in corso il confezionamento in subappalto di prodotti tessili di noti marchi italiani, utilizzando manodopera irregolare. Nello specifico sono stati identificati 3 lavoratori cinesi irregolari di cui uno clandestino in quanto privo di permesso di soggiorno ed entrato in Italia in modo illegale. All’interno del laboratorio erano stati ricavati dei vani letto ove si presume dormissero i lavoratori.
Il titolare della ditta, un trentenne di nazionalità cinese, è stato denunciato e deferito all’autorità giudiziaria per aver favorito l’immigrazione clandestina e sfruttato manodopera irregolare e allo stesso sono state inoltre contestate numerose violazioni amministrative in materia di commercio e sicurezza degli ambienti di lavoro.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI