6.9 C
Comune di Legnano
venerdì 26 Febbraio 2021

BRESCIA – Gas esilarante in sala parto on demand: sperimentazione all’ospedale

Ti potrebbe interessare

I Servizi demografici ampliano l’orario di apertura a Busto Arsizio

I Servizi Demografici ampliano l’orario di apertura al pubblico, a Busto Arsizio: sia la sede centrale in via Fratelli d’Italia 12, sia l'Ufficio distaccato...

Il mondo delle palestre e delle piscine in piazza a Milano per chiedere la riapertura in sicurezza

Si è svolta nelle scorse ore a Milano, in corso Monforte, una protesta organizzata dai titolari e dai gestori delle palestre e delle piscine,...

I sangiorgesi invitati a scrivere sul libro di presentazione del 64esimo Campaccio

L’invito arriva dal sindaco di San Giorgio su Legnano, Walter Cecchin, ai suoi concittadini: scrivere un pensiero dedicato all’evento sportivo del Campaccio, che sarà...

Giornata delle Malattie rare: le fontane si accendono di blu a Legnano

Il Comune di Legnano colorerà di blu la fontana di piazza San Magno, lo specchio d’acqua di piazza del Popolo e la fontana di...

Gas esilarante in sala parto, per una nascita con meno dolore e meno ansie. E’ quanto accade al reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Istituto Clinico Città di Brescia, per affrontare al meglio il momento del parto che “rappresenta senza dubbio una grande gioia per la mamma – spiega la struttura – ma allo stesso tempo è visto, dalla maggior parte delle donne, con ansia e timore per il dolore che comporta”. La notizia e’ riportata dall’ANSA Lombardia.
Il gas esilarante, il cui nome per la chimica è protossido di azoto, è un gas incolore, dall’odore vagamente dolce, da tempo usato per i suoi effetti come anestetico e analgesico. E’ più noto, però, per la capacità di dare lieve euforia, mentre è raro sentir parlare di un suo impiego in sala parto. “L’aspetto più interessante del suo utilizzo – sottolinea Michele Tarantini, Responsabile del reparto di Ostetricia – è quello di essere on-demand: la partoriente può decidere quando azionare la valvola, libera di tenere sotto controllo il proprio livello di dolore in modo autonomo e mirato”.

Articoli correlati