domenica, 5 Febbraio 2023

Bosco di Rogoredo: si continua a morire

Il boschetto di Rogoredo (Foto da video RAI 3)

Una telefonata anonima, giunta al 112 nelle scorse ore, ha fatto ritrovare il corpo senza vita di un uomo nel bosco di Rogoredo, a Milano, zona tristemente conosciuta per lo spaccio e il consumo di sostanze stupefacenti.

Più precisamente, l’area è stata oggetto di un recente intervento di pulizia e riqualificazione, sollecitato al Comune da numerosi residenti, ma ciò non è bastato per allontanare del tutto i pusher e i loro clienti, che riescono spesso a nascondersi ancora lungo sentieri laterali al boschetto, che conducono alla vicina stazione ferroviaria.

In via Orwell, verso San Donato Milanese, è stato ritrovato un uomo, un tunisino di 41 anni, già noto alle Forze dell’ordine per precedenti di droga, furto e rapina, ricettazione. Nessun segno di violenza sul suo corpo; la causa della morte è da ritenersi, probabilmente, un’overdose. L’uomo era uscito dal carcere di San Vittore lo scorso 31 ottobre.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI