venerdì, 23 Febbraio 2024

Bonus terme: da lunedì possibile richiederlo. Ma a qualcuno sembra “folle”

(Foto da web - Trivago Magazine)

Da lunedì 8 novembre sarà possibile a tutti i cittadini italiani, attraverso la piattaforma già on line di Invitalia, richiedere l’ottenimento del “Bonus terme”, un incentivo economico per sostenere le spese ai servizi termali.

Il Governo ha deciso di stanziare 53 milioni di euro, per facilitare tutti coloro che desiderano recarsi in uno dei numerosi centri termali, sparsi su tutto il territorio nazionale, per svago ed anche per terapia, fino ad un massimo di 200 euro a domanda. Il bonus è stato pensato per sostenere un settore particolarmente colpito dall’emergenza Covid, come quello delle terme.

Il buono dovrà essere richiesto direttamente agli stabilimenti termali che si saranno accreditati sulla piattaforma, e ai cittadini interessati ad usufruirne non resta che consultare l’elenco dei centri, pubblicato e aggiornato sui siti del Ministero dello Sviluppo economico e di Invitalia.

E a propostio della misura si stanno sollevando commenti favorevoli ma anche contrari, perché si tratta di una forma di aiuto che per alcuni non porterà benefici, se non a poche persone. Tra le voci contro, quella del Codacons, che boccia il “Bonus terme”, definendolo un “bonus folle”.

“Si tratta di un bonus senza criterio e senza logica, che di certo non aiuterà né i cittadini, né il settore degli stabilimenti termali. Se da un lato poteva avere un senso concedere un incentivo per sostenere le spese relative ai servizi termali, dall’altro non si comprende perché il bonus debba spettare a tutti indipendentemente dal reddito e senza alcun limite legato all’Isee. Così anche chi non ha alcuna difficoltà economica potrà avvalersi del sussidio per godere di giorni di vacanza alle terme o momenti di relax, a danno della collettività che finanzia il bonus. I 53 milioni di euro stanziati per una spesa massima di 200 euro, inoltre, appaiono del tutto insufficienti, perché in tal modo, se si acquisteranno pacchetti e servizi fino ad arrivare al tetto massimo di 200 euro, solo 265mila fortunati potranno beneficiare dell’incentivo, indipendentemente dal loro reddito”, si legge in una nota del Codacons.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI