mercoledì, 10 Agosto 2022

Bloccati i lavori per la realizzazione della discarica nel Parco del Roccolo: il TAR accoglie il ricorso

Una delle proteste degli ambientalisti alla cava

I cittadini dell’Alto Milanese ricorderanno che lo scorso giugno il TAR aveva annullato le autorizzazioni rilasciate da Città Metropolitana di Milano, relative al progetto di discarica nel Parco dei Roccolo, più precisamente nell’area delle cave di Casorezzo, presentato da Solter. Tuttavia, ad agosto la stessa Città Metropolitana aveva rinnovato le autorizzazioni, permettendo così la prosecuzione dei lavori di allestimento della discarica.

Ma Roberto Colombo, presidente del PLIS del Roccolo, Pierluca Oldani, sindaco di Casorezzo, Susanna Biondi, sindaco di Busto Garolfo, Barbara Meggetto, presidente Legambiente Lombardia, Eleonora Bonecchi, presidente Comitato Cittadini Antidiscarica, e il Gruppo Agricoltori, hanno presentato un altro ricorso, che questa volta è stato accolto.

“Oggi abbiamo avuto la bella notizia. Il TAR ha accolto la nostra richiesta e ha bloccato i lavori fino all’udienza di merito, già fissata per il 15 febbraio 2022, e alla sentenza conclusiva. Siamo davvero molto soddisfatti. Ancora una volta siamo riusciti a tutelare il nostro territorio, la salute dei cittadini, la ricchezza ambientale del nostro Parco. Il percorso rimane lungo e complesso ma la sospensiva che il TAR ci ha accordato costituisce un tassello molto importante. Noi proseguiremo con impegno nell’opposizione netta e totale a questo dannoso progetto e chiediamo ancora a tutta la cittadinanza di continuare a sostenerci”, il commento dei firmatari del ricorso.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI