martedì, 27 Febbraio 2024

Avanzi delle feste: come organizzare il frigo per conservare i cibi senza rischi

(Foto da web - Demon Flower)

Pranzi e cene delle feste lasciano sempre avanzi di cibo: come è accaduto, ed accadrà ancora, in occasione dei ritrovi conviviali in occasione delle feste di Natale. Tipicamente alle tavole imbandite di ogni leccornia seguono i frigoriferi riempiti di avanzi, che fa piacere consumare con calma nei giorni che seguono la loro preparazione. Da qui alcune indicazioni per conservare nella maniera più corretta i cibi avanzati, per non incorrere in pericolose contaminazioni, che possono mettere a rischio la salute.

La prima regola è che i cibi messi in frigorifero possono rimanerci al massimo tre giorni (due giorni gli affettati), sistemati nei ripiani più in alto, in contenitori puliti e chiusi. Questo li tutela da contaminazioni incrociate, o da sgocciolii di liquidi da, e sopra, altri prodotti. E’ molto importante, come raccomandano gli esperti, tenere separati i cibi tra loro, perché diversi sono i processi di invecchiamento.

Gli alimenti sia cotti, sia crudi, rimasti sulle tavole, quindi a temperatura ambiente, per più di quattro ore devono essere scartati, e non conservati.

Creme e salse devono essere conservate in frigorifero per pochissimi giorni, soprattutto se a base di uova crude. No alla conservazione delle tartine se sono rimaste in tavola più di due ore. No alle posate sporche dimenticate nei contenitori. Un buon consiglio è anche riscaldare ogni avanzo prima di consumarlo, in maniera uniforme e profonda.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI