Cerca
Close this search box.
lunedì, 24 Giugno 2024
lunedì, 24 Giugno 2024
Cerca
Close this search box.

Arrivato anche in Italia il vaiolo delle scimmie: no panico ma massima attenzione

(Foto da RAI 1)

E’ stato individuato nelle scorse ore all’ospedale Spallanzani di Roma il primo caso di “vaiolo delle scimmie”. Più precisamente, un giovane appena tornato da un viaggio nelle Isole Canarie ha riportato l’infezione riconducibile al “Monkeypox – MPV”, il cosiddetto vaiolo delle scimmie. Prima di questo caso ne sono stati registrati altri anche in Spagna, Portogallo, Regno Unito e Svezia, e negli Stati Uniti.

Il giovane uomo colpito dal virus presenta condizioni generali di salute buone, ma è ricoverato in stretto isolamento, mentre sono state avviate particolari analisi di laboratorio, nonché il tracciamento dei contatti del giovane contagiato. Il diffondersi del vaiolo delle scimmie è monitorato anche dall’ECDC, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. I contagi non avvengono tra le persone in modo semplice, ma attraverso il contatto con lesioni cutanee, fluidi corporei, indumenti infetti, e droplet soltanto nelle forme più acute (le goccioline di respiro).

Come spiegato da alcuni esperti, il vaiolo delle scimmie e quello umano sono simili, e la vaccinazione anti vaiolo cui è stata sottoposta la popolazione negli anni ’60, in disuso dal 1980, non lo contrasta.

Al momento si raccomanda tempestività nella segnalazione di eventuali nuovi casi, senza diffondere il panico.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings