lunedì, 26 Settembre 2022

Arriva il Piano regionale per tutelare il patrimonio idrogeologico

Bonifica e tutela: è stato presentato venerdì scorso il nuovo Piano regionale degli interventi per la ripresa economica, presentato direttamente dall’Assessore regionale all’Agricoltura Fabio Rolfi nel corso di una video conferenza.

All’interno del programma sono stati destinati finanziamenti per la difesa idrogeologica del complesso reticolo idrografico regionale e nello specifico ai Consorzi di bonifica in merito alla difesa idraulica sia sul reticolo principale, sia su quello direttamente in capo a diversi enti. Inoltre la Direzione Generale Agricoltura ha impegnato altre risorse per la riqualificazione delle reti consortili e per gli impianti connessi.

“Alla luce di queste opportunità finanziarie, si riscontra sempre più il fondamentale ruolo del mondo consortile a difesa e al servizio dei territori urbani e agricoli”, ha detto Rolfi.

Diego Terruzzi di Regione Lombardia ha ricordato come nel corso di quest’anno così complesso non è mai venuto meno il confronto costruttivo tra Regione, ANBI Lombardia ed i Consorzi di bonifica, che ha permesso di lavorare proficuamente sulla programmazione. Anche rispetto al Recovery fund i Consorzi si sono dimostrati propositivi ed ora sarà necessario concentrare lavoro e impegno sulla definizione dei progetti anche in vista dell’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e di Resilienza, all’interno  del quale una macro area è stata destinata specificatamente alle infrastrutture irrigue e di bonifica.

Come si legge in una nota, Terruzzi ha ricordato altresì la recente approvazione dell’accordo di programma per la riduzione del rischio idrogeologico nell’area metropolitana di Brescia, che vede coinvolti i Consorzi di bonifica Oglio Mella e Chiese, e la prossima definizione dell’intesa per la riduzione del rischio idrogeologico nell’area metropolitana milanese, in cui avranno un ruolo determinante il Consorzio Est Ticino Villoresi e quello della Muzza Bassa Lodigiana.

Il Presidente di ANBI Lombardia Alessandro Folli ha tenuto a ringraziare Regione Lombardia per l’attenzione riservata ai Consorzi di bonifica. All’interno dei propri piani e programmi comprensoriali questi enti hanno indubbiamente un grande patrimonio progettuale ed una capacità di spesa altrettanto significativa; alla luce delle loro competenze e della loro esperienza saranno sicuramente in grado di cogliere le opportunità offerte dal Recovery fund, rispettando uno dei suoi paradigmi più stringenti legato alle serrate tempistiche della progettazione e realizzazione degli interventi. Per ANBI nazionale ha partecipato all’incontro il Direttore Generale ANBI Massimo Gargano, che ha espresso apprezzamento per l’ottimo lavoro svolto da Regione Lombardia e per la sinergia realizzata tra quest’ultima e i Consorzi di bonifica. 

Si aprono ora nuove sfide per il mondo consortile, dove sempre maggior importanza dovrà essere riservata alla gestione e alla difesa di un territorio fragile e fortemente antropizzato, all’innovazione, all’uso razionale della risorsa idrica ed infine all’affermazione di alcune buone pratiche, quali le regimazioni idrauliche e il miglioramento della gestione della sostanza organica nel settore zootecnico, per citarne alcune.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI