Cerca
Close this search box.
venerdì, 21 Giugno 2024
venerdì, 21 Giugno 2024
Cerca
Close this search box.

Arriva il grano dall’Ucraina: sbloccate 200mila tonnellate destinate all’Italia

(Foto da web)

L’accordo raggiunto nelle scorse ore sui corridoi per il passaggio delle navi da carico dal porto di Odessa, sblocca anche la possibilità per l’Italia di ricevere circa 200mila tonnellate di grano, e il mais per l’alimentazione animale, fermo nei magazzini dell’Ucraina, sotto il controllo russo.

A commentare la notizia dell’intesa raggiunta tra i due Paesi in guerra, grazie alla mediazione della Turchia, è la Coldiretti nazionale: “Prima della guerra l’Ucraina era il secondo fornitore di mais dell’Italia con una quota di poco superiore al 13%, ma garantiva anche il 3% dell’import nazionale di grano, secondo lo studio Divulga. Il fermo delle spedizioni ha provocato aumento dei costi di produzione, con quasi un allevamento da latte su dieci (8%) che in Italia è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell’attività, anche per effetto dell’aumento medio del 56% dei costi correnti di produzione che non vengono coperti dai ricavi, secondo i dati Crea. L’apertura di un corridoio per far uscire le navi cariche di grano da Odessa è importante per salvare dalla carestia quei 53 Paesi dove la popolazione spende almeno il 60% del proprio reddito per l’alimentazione, e risentono quindi in maniera devastante dall’aumento dei prezzi dei cereali causato dalla guerra”.

La partenza delle navi dai porti rende anche di nuovo disponibili i magazzini, pronti per accogliere nuovi raccolti di grano, che dovrebbero arrivarvi nelle prossime settimane: circa 19,4 milioni di tonnellate, che sono tuttavia circa il 40% in meno rispetto ai 33 milioni di tonnellate previsti per questa stagione. Ma l’Ucraina rimane lo stesso al sesto posto tra gli esportatori mondiali di grano.

La guerra ha fatto aumentare i prezzi dei cereali a livello mondiale di più del 23,2%, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. I prodotti caseari sono saliti del 19%, lo zucchero di oltre il 40%.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings