Arriva Arianna il robot bibliotecario

Il robot Arianna in biblioteca

Si chiama StuffCube il gruppo di giovani ricercatori che lavora da qualche settimana alla realizzazione di Arianna, il robot bibliotecario.

Dopo aver presentato con una mini serie di incontri altri progetti, tra workshop e corsi, il gruppo lavora alla creazione di un robot in grado di aiutare in biblioteca a trasportare i libri tra gli scaffali. Detto così l’utilità dello strumento automatizzato può apparire riduttiva, ma la sua tecnologia di base può essere sfruttata per impieghi anche più particolari.

“Siamo un gruppo di amici. Attivi a Parabiago e dintorni, abbiamo il pallino del “fai-da-te” e stiamo iniziando un percorso di avvicinamento al “mondo dei Makers”. Come tutti i “Makers”, condividiamo l’idea di costruire le cose (STUFF), invece di comprarle. Condividiamo l’idea di ripararle (dove possibile), invece di buttarle via. Condividiamo l’idea di re-inventarle, invece di usarle semplicemente. Crediamo che con l’aiuto di un gruppo (CUBE) possiamo imparare (LEARN) cose ritenute fuori dalla nostra portata, e scoprire che le nostre idee e i nostri sogni (THINK) non sono mai state così facili da realizzare (MAKE)”, spiegano di loro stessi i ragazzi del gruppo, in una presentazione che si può leggere nel loro sito stuffcube.wordpress.com.

Il progetto “Arianna 00” ha come base una macchinina giocattolo, ha un motore DC posteriore per il movimento e il classico sterzo anteriore a due ruote come le automobili.
“Arianna 01”, detta anche Ambros, è invece un tre ruote.

Per informazioni e per conoscere il gruppo, gli incontri dello StuffCube si svolgono tutti i mercoledì dalle 21.15 alle 22.15 alla biblioteca civica di Canegrate, in piazza Unità d’Italia. Il prossimo incontro sarà mercoledì 11 gennaio.

print