sabato, 26 Novembre 2022

Arresto di un cittadino italiano, incensurato, responsabile del reato di detenzione illegale di più armi comuni da sparo e munizionamento

(Immagine di repertorio)

Durante la scorsa settimana personale della Sezione Antidroga della Squadra Mobile della Polizia di Stato di Varese ha avuto notizia della presenza di un imprecisato quantitativo di droga, del tipo cocaina, all’interno di una abitazione in Venegono Superiore.

Effettuati tutti gli accertamenti necessari, i poliziotti hanno individuato il luogo e nella mattinata di venerdì 16 u.s. hanno proceduto alla perquisizione locale.

Tale attività ha dato esito negativo per quanto concerne la droga, ma ha permesso di rinvenire, all’interno di un armadio: due fucili perfettamente funzionanti, un moschetto 91 ed un fucile a pompa completo di una ventina di cartucce, non denunciati. L’uomo, nonostante il maldestro tentativo di giustificarsi, dichiarando di averli trovati in un bosco, è stato tratto in arresto per il reato di detenzione illegale di più armi comuni da sparo e munizionamento.

Negli ultimi mesi la Squadra Mobile di Varese, nel corso di operazioni antidroga, ha già sequestrato numerose armi, sia di provenienza furtiva che clandestina, sulle quali sono attualmente in corso indagini volte a comprenderne la provenienza, soprattutto allo scopo di evitare un mercato “libero” nella compravendita di armi ed evitare che le stesse possano ricadere nella disponibilità di malfattori.

Le indagini si concentreranno soprattutto al fine di comprendere come armi di questo tipo siano detenute da parte di soggetti incensurati e apparentemente distanti da ambienti criminali “pesanti”.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI