venerdì, 21 Gennaio 2022

Arrestato a Legnano un ventenne per tentato raggiro

Ha cercato di truffare un anziano di Legnano vendendogli un falso rivelatore di gas. Ma gli è andata male e ora il protagonista della tentata truffa, smascherato dalla polizia del commissariato cittadino, è indagato per il tentato raggiro.

Protagonista un ventenne della provincia di Brescia, “in trasferta” a Legnano. Venerdì scorso l’uomo si è presentato alla porta di un anziano abitante in via Previati e, dopo averlo convinto a entrare in casa, si è fatto firmare un documento che a suo dire documentava il suo lavoro. Poi, tesserino (falso) alla mano, ha mostrato alla vittima un apparecchio in plastica che doveva servire a segnalare eventuali fughe di gas dalla rete.

Infine, il malvivente è giunto al punto: in cambio dell’installazione del “gas detector”, pretendeva il pagamento di duecento euro. A quel punto il pensionato ha subodorato, è il caso di dirlo, odore di bruciato e ha detto chiaro e tondo al truffatore che avrebbe chiamato la polizia.

Il ventenne, a quelle parole tanto determinate, è fuggito via ma è stato individuato e bloccato da una pattuglia del commissariato di polizia di Legnano. Addosso, gli agenti hanno rinvenuto due “gas detector”, che in realtà erano pezzi di plastica assolutamente inadatti a scoprire fughe di gas, un tesserino di appartenenza a una società di fornitura di gas risultata inesistente e un martello, che forse doveva servire per installare la strumentazione.

Il ventenne è ora indagato per tentata truffa. Dovrà spiegare molte cose al giudice del tribunale di Busto Arsizio.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI