sabato, 2 Marzo 2024

Anche l’Italia alla conquista della Luna con la sua tecnologia e le sue imprese

(Foto di Robert Karkowski - Pixabay)

Qui Terra chiama Luna: anche l’Italia concorrerà alle prossime missioni sulla Luna, e alla realizzazione della ventilata base lunare. Concetti che non appartegono più alla fantascienza di certi telefilm degli anni ’60, bensì alla realtà di numerose imprese che per tecnologia e capacità di ricerca, tutte italiane, parteciperanno alla prossima nuova corsa al satellite terrestre.

Tutti i progetti per la realizzazione di una base scientifica polifunzionale sulla base lunare, sono stati presentati nelle scorse ore durante il forum per la New Space Economy, cui partecipa anche l’Italia. L’osservatorio lunare è l’Earth Moon Mars, il progetto che ha come capofila l’Istituto Nazionale di Astrofisica, con la partecipazione dell’ASI, l’Agenzia Spaziale Italiana, e del Consiglio Nazionale delle Ricerche, possibile con l’impiego dei fondi del PNRR.

La base lunare permetterà di studiare l’universo e progettare altre esplorazioni, con un passo in avanti già compiuto anche verso il pianeta Marte.

Il progetto entro il 2025 prevede la creazione e la messa a punto di tutti gli strumenti che renderanno possibile stabilire, e mantenere, i collegamenti tra la Terra e la Luna, grazie anche al radiotelescopio Sardinia Radio Telescope, che dovrà essere aggiornato ed implementato nelle sue funzioni.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI