16 C
Comune di Legnano
mercoledì 24 Febbraio 2021

ALTOMILANESE – Allarme mixomatosi dei conigli

Ti potrebbe interessare

Tenta di fuggire su un’auto rubata: arrestato un 43enne a Brebbia

E’ successo nelle scorse ore: i Carabinieri della Stazione di Besozzo hanno arrestato in flagranza di reato un 43enne, disoccupato, cittadino extracomunitario di nazionalità...

Partono i lavori di sistemazione del parcheggio davanti a “L’Oasi” di Cerro Maggiore

Chiuso per mesi al pubblico per problematiche strutturali, sarà presto oggetto di una riqualificazione a Cerro Maggiore il parcheggio di fronte alla Rrsa "L'Oasi":...

Il sindaco di Legnano Radice ribadisce alla RSU di Accam l’impegno dell’Amministrazione

Nella giornata di ieri, martedì 23 febbraio, il sindaco di Legnano Lorenzo Radice e l’assessore alle Società partecipate Alberto Garbarino hanno incontrato alcuni esponenti...

Regione Lombardia rivoluziona il suo piano vaccinale: cambia la strategia perché sia più efficace

Novità in Lombardia sul fronte dei vaccini anti Covid-19: la giunta regionale ha deciso il cambio delle strategie già adottate, per favorire le zone...

L’Agenzia di Tutela della Salute della Città Metropolitana di Milano – Dipartimento di Prevenzione Veterinario, ha istituito la zona di protezione ai fini della profilassi della mixomatosi dei conigli, dal 4 maggio al 4 novembre 2016. dichiarato “Zona di Protezione” una parte del territorio comunale di Villa Cortese.
Le particelle virali riferibili a Poxvirus sono state riscontrate in un coniglio morto, raccolto sul territorio comunale di Canegrate.
La zona di protezione individuata si riferisce a parte o all’intero territorio dei comuni di Canegrate, San Giorgio su Legnano, San Vittore Olona, Cerro Maggiore, Parabiago, Nerviano, Busto Garolfo, Villa Cortese e Legnano.

zona protezione mixomatosiNei territori oggetto dell’ordinanza avverranno:
– apposizioni a cura delle amministrazioni comunali interessate di tabelle portanti l’iscrizione “zona di protezione contro la mixomatosi dei conigli”, da collocarsi al limite dell’area individuata;
– divieto di immettere entro la zona di protezione o di asportare dalla stessa, conigli vivi;
– i conigli infetti, morti, abbattuti, dovranno essere distrutti mediante incenerimento da parte di ditte autorizzate;
– i conigli selvatici oggetto di caccia riportanti lesioni riferibili a mixomatosi, compresi quelli rinvenuti morti, dovranno essere, secondo competenza territoriale, conferiti ai rispettivi Distretti Veterinari per i conseguenti provvedimenti;
– e’ vietato lo svolgimento di mostre o mercati di conigli su tutto il territorio dei Comuni interessati;
– le misure previste per la zona di protezione resteranno in vigore per 6 mesi dopo l’ultimo caso segnalato.

I trasgressori saranno sanzionati.

Questa malattia arrivò in Europa dai conigli di importazione dell’Uruguay all’inizio del XX secolo.

Venne importata in Australia nel 1950 dal Brasile (dove apparve negli anni ’30) come sistema di controllo delle popolazioni di conigli. L’epidemia scatenatasi, con tassi di mortalità intorno al 99%, è tuttora utilizzata come “Controllo biologico delle popolazioni di conigli” dal Governo australiano. I conigli australiani sembrano aver sviluppato una forte resistenza genetica al virus, riducendo il tasso di mortalità attorno all’80%.

In Italia, la mixomatosi è una malattia considerata “a carattere infettivo e diffusivo” quindi soggetta a denuncia, come da disposizioni del Regolamento di polizia veterinaria.

La mixomatosi non si trasmette all’uomo e ad altre specie animali né direttamente né consumando carni di coniglio.

Articoli correlati