12.5 C
Comune di Legnano
lunedì 26 Ottobre 2020

Al confronto con il Governo Regione Lombardia chiede che non sia di nuovo lockdown

Ti potrebbe interessare

“Ci piace costruire”: il Centro Carni Rigamonti si racconta tra riorganizzazioni e svolte

Anche il Centro Carni Rigamonti Srl di Parabiago, realtà produttiva e commerciale ben nota sul territorio dell’Alto Milanese, ma anche a Milano...

“Vera e Giuliano” 60 anni d’amore e sodalizio artistico

Con un docufilm al debutto nella sezione “Omaggi” della Festa del Cinema di Roma dal titolo “Vera e Giuliano”, Fabrizio Corallo racconta...

Anche il sindaco di Parabiago con le Forze dell’ordine per controllare il coprifuoco

Anche il sindaco di Parabiago Raffaele Cucchi, si sta impegnando nei pattugliamenti in città, eseguiti dalle Forze dell’ordine, per vigilare sul rispetto...

Nuovi orari per i cimiteri a Legnano: il sindaco fa appello al senso di responsabilità

Il sindaco di Legnano Lorenzo Radice ha firmato l’ordinanza che modifica e amplia gli orari di apertura dei cimiteri cittadini. Il provvedimento...

La “parola d’ordine” per il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, è “essere pronti”, ma no ad un nuovo lockdown, nemmeno di tipo parziale, delle attività produttive.

E’ quanto, in sintesi, è stato espresso dalla Lombardia nel confronto che si è svolto con i rappresentanti delle altre regioni d’Italia, preparando un accordo da sottoporre ai ministri, per fronteggiare la seconda ondata di Covid-19, che sta imperversando nel Paese.

Dal canto suo, Fontana ha rassicurato che la Lombardia è pronta sotto il profilo sanitario ad accogliere le emergenze, come lo sono i presidi ospedalieri. Che si cerchino alternative ad una serrata, per tutelare le attività che non si possono fermare, agendo nel rispetto dei protocolli di sicurezza già stabiliti.

Didattica a distanza, ingressi scaglionati nelle scuole, smart working incentivato negli uffici pubblici come nel privato, controlli sui mezzi pubblici ed altri provvedimenti locali, purché non si fermi l’economia.

La Lombardia è tra le regioni più colpite, e Milano la città che riporta il maggior numero di contagi, ma può reggere, soprattutto grazie ad una macchina organizzativa ospedaliera già incrementata nelle ultime settimane.

Questa mattina, domenica 18 ottobre, si terrà l’incontro tra il Governo e le Regioni, ANCI e UPI, sulle misure per contenere l’epidemia. In serata il premier Giuseppe Conte potrebbe già comunicare le novità del nuovo DPCM.

Articoli correlati

Scuole, movida, ristoranti, smart working: ecco i capitoli principali del nuovo DPCM presentato ieri

Entra in vigore da oggi, lunedì 19 ottobre, il nuovo DPCM, firmato e presentato ieri, domenica 18, in serata, dal premier Giuseppe...

Obiettivo no lockdown: scattano le nuove misure restrittive. Settimana decisiva per frenare i contagi

E’ stato approvato ieri, lunedì 12 ottobre, il nuovo DPCM del Governo che contiene nuove regole per contrastare la diffusione del Coronavirus....

Movida e convivialità sono le principali occasioni in cui si sviluppano i contagi da Covid-19

Ormai è un dato pressoché certo: le feste private in casa, i raduni familiari o con gli amici, la movida all’aperto che...

Nessuna stretta a bar e ristoranti. Sì all’obbligo delle mascherine all’aperto

E’ atteso per questa sera il testo definitivo del nuovo DPCM, che stabilisce nuove regole di comportamento, per far fronte alla seconda...

Confronto tra Governo e regioni: si va verso la mascherina obbligatoria e nuove misure restrittive

Sarà approvato entro mercoledì 7 ottobre il nuovo DPCM che prevede l’obbligo delle mascherine anche all’aperto su tutto il territorio nazionale, e...