Agenzia dell’UE: l’olio di palma non fa male

(Foto da web - Green.it)

Non sarebbe dannoso per la salute il consumo di olio di palma, come diffuso da una recente relazione dell’EFSA, la European Food Safety Authority , l’Agenzia UE per la sicurezza alimentare.

L’olio vegetale in questione non fa male, né sul fronte dell’impatto ambientale dalla sua coltivazione, né su quello relativo alla salute delle persone.

Le ricerche condotte sulla questione confermano che il consumo di olio di palma non comporta rischi alla salute, ma per l’Agenzia rimane alta l’attenzione posta alla popolazione più giovane, che consuma, più di altri, prodotti che contengono olio di palma.

Secondo l’EFSA, rischi di lieve entità nella crescita potrebbero correrne i neonati, ma se consumassero soltanto latte artificiale, che contiene l’olio di palma.

Nello specifico, sono stati aggiornati i livelli di sicurezza del 3-MCPD, la sostanza che si forma in seguito alla raffinazione dell’olio di palma. Nel 2016 tale sostanza era stata considerata cancerogena e in grado di danneggiare il DNA. Oggi non cambia la nocività del 3-MCPD, ma dopo vari esami di laboratorio, la soglia di attenzione passa da 0,8 microgrammi quale dose giornaliera accettabile, per ogni chilo di peso corporeo, a 2 microgrammi.

print